Sesshin, toccare lo spirito

Grand cloche

Ses : toccare, unire
Shin : cuore, spirito

Sesshin significa quindi : toccare direttamente, diventare intimo con lo spirito, lo spirito originario, la natura di buddha che esiste in ciascuno di noi, ma che è spesso occultata dai pensieri e dalle emozioni che ci agitano. Tale oscuramento è il frutto di immemorabili condizionamenti.

Risvegliarci alla reale natura del nostro corpo-mente dopo la dissipazione dell’ignoranza, è il fulcro di ogni pratica spirituale.

Durante i ritiri (sesshin) possiamo sperimentare l’insegnamento dello zen nella vita quotidiana attraverso i quattro tipi di azione : camminare, stare eretti, sedersi e distendersi. Il che significa che ogni cosa è la pratica dello zen.

Durante una sesshin, ogni azione è il proseguimento di zazen. Al di là della coscienza individuale, seguiamo lo svolgimento della giornata, concentrati su ogni azione marcata dai suoni, vivendo pienamente ogni attimo.

In questo modo, il corpo e la mente ritrovano la vera tranquillità. E’ il ritorno alla condizione originaria, l’attuazione della vera libertà.

 

Evelyn Reiko de Smedt.

 

Italiano