Omaggio a Jean Baby


Allocuzione del presidente dell’AZI, Pierre Dôkan Crépon
La Gendronnière, 5 agosto 2012

In nome di tutti i membri dell’Association Zen Internationale vorrei rendere omaggio a Jean che ci ha lasciato il primo gennaio di quest’anno, 2012, all’età di 91 anni.
Jean aveva fondato uno dei primi luoghi di pratica della nostra associazione, il dojo zen di Strasburgo, nel 1971 poco dopo avere incontrato il maestro Taisen Deshimaru. Un incontro che per lui – autentico ricercatore spirituale – è stato decisivo.
Nel 1974 ha ricevuto l’ordinazione di monaco: il suo nome di dharma era Mokudo Shôgen, Hall della Via, Vera origine. E’ diventato uno dei pilastri dell’associazione facendo del dojo di Strasburgo un luogo della Via vivente e creativo dove si incontravano dei giovani che hanno partecipato all’insediamento dello zen in Europa.
Dopo la scomparsa del maestro Deshimaru, si è trasferito in Inghilterra con la sua compagna Nancy Amphoux e insieme hanno fondato il dojo zen di Bristol che è stato all’origine del sangha inglese dell’AZI. Negli anni ’90 ha anche diretto molte sessioni estive a La Gendronnière e in quegli anni è stato un membro importante del nostro consiglio d’amministrazione. In seguito, ha sempre mantenuto un contatto e un affetto particolare per i membri della nostra associazione, suoi compagni della Via.
Quando noi guardiamo questo tragitto con discernimento comprendiamo il senso di parole come “Mettersi in sintonia con la Via” oppure “Seguire le tracce degli antichi maestri”. La pratica di Jean, il suo insegnamento nel corso di tutti questi anni sono delle espressioni della Via eterna, si inscrivono nella continuità della pratica e dell’insegnamento degli esseri risvegliati.
E’ considerando la dimensione che va oltre la persona che noi comprendiamo la più alta dimensione della vita , della nostra vita. Tranquilli, possiamo allora dire arrivederci a Jean, Mokudo Shôgen, che continua il suo cammino sulla Via del nirvana.
 

Italiano